L’AMORE CATTIVO di Francesca Mazzuccato

amore-cattivo-francesca-mazzucatoL’amore cattivo è un romanzo che fa male, che fa arrabbiare, ma soprattutto riflettere. Francesca Mazzuccato ha deciso di raccontarci una storia, che è finzione ma potrebbe essere reale.

Nora è una ragazza di 39 anni. Bella, colta e con un lavoro che le piace, la appaga e che le dà riconoscimenti e soddisfazioni. Vive a Milano, dove è scappata dalla famiglia e da un’infanzia poco serena, scappata dall’amore cattivo della madre, che l’ha sempre svilita e trattata come una nullità facendola crescere fragile e insicura di se stessa, dall’indifferenza del padre e dalla insensibilità della sorella.

L’amore cattivo morde il corpo e lo sventra. Avvilisce l’anima. La rimpicciolisce e la devasta. L’amore cattivo incenerisce ogni cosa. È piromane, assassino, criminale. Difficile però che resti lontano, escluso, in prigione. La cenere aumenta man mano. In maniera infida. Giorno dopo giorno.

Gli unici momenti felici sono quelli trascorsi in compagnia della zia Eloisa, unica persona in grado di far sentire Nora bene, accolta, normale.
Inizia un percorso di psicoterapia per ritrovare fiducia in se stessa e sentirsi meno in colpa per la sua inadeguatezza acquisita. A Milano vuole costruire la propria vita, lontana dai famigliari che le hanno fatto male ma lei ama lo stesso.

Li amava tutti. Il suo non era un amore feroce, ma un amore faticoso.

Ma la sua vita è vuota, manca ciò che la renderebbe “giusta” agli occhi della madre odiata-amata: un compagno. Le relazioni sentimentali di Nora sono storielle, nessuno la fa sentire speciale, finché arriva Alessandro incontrato per caso in una libreria della stazione, lui ha le parole giuste che la fanno sentire unica. Lei diventa nuovamente preda inconsapevole di un nuovo predatore. I fiori diventano sberle, le parole lame che trafiggono, l’attenzione diventa ossessione. Nora capisce, perché conosce l’amore cattivo, ma il bisogno di essere amata fa perdonare l’imperdonabile.
Mazzuccato scrive una storia potente con parole delicate, che ci raggiungono nell’intimo. Nora diventa l’amica a cui vogliamo bene, che vorremmo aiutare, ma inermi possiamo solo arrabbiarci per la sua sofferenza. L’escamotage di alternare la voce di Alessandro, in prima persona, e il racconto della storia in terza è riuscito, perché ci svela il vero animo del carnefice in modo diretto, con grande abilità narrativa.

A volte capite le cose solo con le punizioni giuste. La freddezza o il silenzio. Qualche schiaffo. Che sarà mai. Che grande problema può essere. Si viene provocati. Si viene esasperati. Si reagisce.

La scrittura e’ volutamente semplice, lasciando spazio alla vera protagonista del romanzo, la storia. Mazzuccato ha scelto di trattare un tema di cui si dovrebbe parlare di più, svelando la fragilità dell’animo umano, succube del bisogno d’amore anche quando l’amore fa male.
Un libro necessario.

FrancescaMazzuccato

L’amore cattivo
di Francesca Mazzuccato
Giraldi Editore (collana Riflessi del presente)
Anno 2015
pp. 210
€ 12,50
Disponibile anche in eBook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *