BIAGIO MARIN (29 giugno 1891 – 24 dicembre 1985)

Per le stràe
solesàe
bon odor xe de viole.

El gno cuor
’na canson
canta sensa parole.

La morte la me dise
che la xe un’ilusion;
ma un svolo de silise
rasenta un barcon.

Mámola, boca bianca, 
ma rii, ma rii, ma canta,
ch’el cuor el se spalanca
in ’sto ragio de sol.

Per le strade / soleggiate / c’è buon odore di viole. // Il mio cuore / canta / una canzone senza parole. // La morte mi dice / che è un’illusione; / ma uno svolo di rondini / rasenta un balcone. // Fanciulla, bocca bianca, / ma ridi, ma ridi, ma canta, / ché il cuore si spalanca / in questo raggio di sole.

Me son el vento
e tu la vela mia,
cô piú te dago drento
e piú tu svuli via.

E no’ te ’rivo,
e me tormento,
e piú me ’nbrivo
el svolo xe piú lento.

Voglia de sfâte
me vien alora,
invesse de basâte
la bela fássia mora.

Io sono il vento / e tu la vela mia, / quando piú ti investo / e piú tu voli via. // E non ti arrivo, / e mi tormento; / e piú mi abbrivo / piú il volo è lento, // Voglia di disfarti / mi prende allora, / invece di baciarti / la bella faccia mora.

Mar queto mar calmo
no’ vogie no’ brame
respiro de salmo
tra dossi e tra lame.

Mar queto, mare calmo / non voglie non brame / respiro di salmo / tra dossi e tra lame.

La vita xe fiama che brusa;
la fiama s’infiora e s’inala,
xe zogia d’oselo e farfala
che in ogni stagion fa le fusa.

Brusando e dolendo la canta
co’ musiche in sielo distese
canpane de dute le ciese,
pitussi in amor a ogni pianta.

E l’opera rica de l’omo
crea case e sità a maravegia,
co’ ’l sangue la fabrica el domo,
co’ ’l pianto la inalsa la regia.

Ma duto infin la consuma:
va il sénere duto e in rovina.
La vita, la bela regina,
xe un rogo che fiama e che fuma.

La vita è fiamma che brucia; / la fiamma s’infiora e si inala, / è gioia dell’uccello e della farfalla / che in ogni stagione tesse e s’imbozzola. / Bruciando e dolendo fa cantare / con musiche in cielo distese / campane di tutte le chiese, / uccellini in amore ad ogni pianta. // E l’opera ricca dell’uomo / crea case e città a meraviglia, / col sangue fabbrica il duomo, / con il pianto innalza la reggia. // Ma tutto infine consuma: / tutto va in cenere e rovina. / La vita, la bella regina, / è un rogo che fiamma e che fuma.

Lisiera la barca su l’ole
apena varagia;
sapeva i madieri de ragia,
manovre flessibili e mole.

Che corso beato
col vento de pupa,
e l’aqua piú cupa
’veva oltro abocato.

E adesso, co lenta
co greve:
el mar se la beve
l’abisso la tenta.

Leggera la barca sulle onde / appena varata; / il fasciame sapeva d’acquaragia, / le manovre flessibili e docili. // Che corso beato / col vento di poppa, / e l’acqua piú cupa / aveva altro abboccato. // E adesso, come lenta, / come greve: / il mare se la beve, / l’abisso la tenta.

Làssela duta al vento la to vela,
no’ stâ fâ tersariol,
mòla la scota a l’ultima tela,
che la vanpi nel sol. 

Al timon xe ’l fornelo,
la rigòla no’ la deve tremâ,
no’ lassâte sfiancâ
dai caprissi del vento e quî del sielo. 

Bisogna stâ a gala,
anche se l’ole te traversa
e la to barca la par persa
e la chilia la fala. 

La to vela no’ se incapela,
la so tela resiste:
tu tien fermo el timon su le to piste:
nel vento grando la barca s’insiela.


Fiori di palude sempre uguali, / passano secoli ed anni, / i venti leggeri e vani, / ma voi sulle acque siete giovinetti. // Guardate sognando, nuvole errabonde / andare e venire con le maree, / e fiorire sulle argille / sogni che arrivano da altre sponde. // Gli uomini sono inquieti, / si sfanno più facili dei nuvoli; / il vostro sguardo gira tutti i poli, / e contemplate i cieli come i poeti. 

(Biagio Marin, Poesie a cura di Claudio Magris e Edda Serra – Garzanti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *